Città d'Italia

10 libri da leggere per scoprire Firenze: i consigli dei lettori di Book Advisor

Se fossi fuoco arderei Firenze – Vanni Santoni

Se fossi fuoco arderei Firenze, di Vanni Santoni. Letto diversi anni fa, ma ricordo dava una buona panoramica di Firenze e non solo dal punto di vista delle ricchezze artistiche e architettoniche, ma anche di quelle della città da vivere perché Firenze è una città che ha tantissimo da offrire anche come vita notturna. (Marco Fumetto)

Descrizione

“Si sorprende di scorgere la punta di un timpano di Santa Croce che si conficca nel cielo nero, abbassa gli occhi come a riparare lo sguardo nella pace di un lembo di piazza e intanto pensa che davvero Firenze è infinita, e si potrebbe andare avanti e girarla in lungo e in largo per giorni, con la certezza che di Sante Croci ce ne sono almeno cento (e di punti da cui sbirciarla, mille) e chissà quante vie dei Pepi ancora da scoprire, una babele di marmo e torri dalla testa mozza.” E dopo Santa Croce c’è San Miniato, il Cimitero degli Inglesi e il Forte Belvedere, borgo Pinti, piazza del Carmine, Santa Maria Novella, il centro e l’Oltrarno, la periferia e i giardini ermetici. È fra questi luoghi che si snoda la vita di tanti personaggi. Ognuno, a modo suo, vive Firenze: città elegante, raffinata, ma anche un po’ punk e new wave, città di antichi nobili e nobildonne, città d’arte e città-vetrina. In queste pagine, si accavallano storie, episodi, aneddoti su chi vuole andarsene e chi ha deciso di rimanere a Firenze, su chi prova a smuoverne le acque e chi si accontenta di galleggiare. Fra studenti, artisti veri o presunti, delinquenti e signori, stranieri e fiorentini doc, Vanni Santoni scrive una guida-romanzo di una delle città più belle d’Italia.

“Se fossi fuoco arderei Firenze” di Vanni Santoni, edizioni Laterza.

Pagina precedente 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11Pagina successiva

Alessandro Oricchio

Docente e ricercatore di Lingua Spagnola, giornalista pubblicista iscritto all'Odg del Lazio. Amante dei libri, dei viaggi, del calcio, della lingua spagnola, del mare e della cacio e pepe.
Back to top button