Coffee Book

“La signora della porta accanto” di Yewande Omotoso: recensione libro

recensione libro

Hortensia e Marion sono vicine di casa, si detestano cordialmente e alle volte, nemmeno tanto cordialmente. Hanno trascorso molti anni abitando una accanto all’altra ma non si sono mai conosciute davvero.

Molte cose le dividono: estrazione sociale, colore della pelle, carattere, relazioni familiari e ideologie ma sono ancora di più le cose che hanno in comune. Entrambe sono donne determinate e con alle spalle successo professionale ma anche molti rimpianti.

Una convivenza forzata le avvicinerà gradualmente. Tutti i pregiudizi e le convinzioni che hanno da sempre caratterizzato il loro rapporto si sgretoleranno, concedendo a entrambe la possibilità di guardare oltre le apparenze e cominciare una nuova fase della vita.

La signora della porta accanto

La vicenda si svolge in una zona residenziale di Citta del Capo, metà bianca metà nera in una società di benpensanti che finge tolleranza razziale. Le due protagoniste vivono in questa ipocrisia, la respirano per tutta la vita e ne sono coinvolte.  La rottura della casa di Marion e della gamba di Hortensia sono il simbolo della profonda spaccatura tra due mondi inconciliabili che solo attraverso un trauma hanno l’opportunità di togliere la maschera e iniziare a conoscersi davvero.

Yewande Omotoso ha scritto un romanzo che non è mai banale. Ci racconta le vite di due “terribili vecchiette”, ironiche e spietate, che non si può fare a meno di ammirare. Il libro è uno dei gioielli della 66thand2nd, se non avete ancora letto nulla di questa casa editrice correte a rimediare.

TI PIACE SE: cerchi una storia che ti porti oltre i pregiudizi. Credi nella forza dell’amicizia. Non è mai troppo tardi per cambiare idea.

LASCIA PERDERE SE: la prima impressione è quella che conta. Non apprezzi molto l’ironia. Non ti piacciono i romanzi a due voci

La signora della porta accanto, Yewande Omotoso, 66thand2nd, Coffee Book

Paola Viscatale

Sono cresciuta e ho lavorato sempre in mezzo ai libri. Con il cuore a metà tra Roma e Napoli, viaggiatrice per il mondo in cerca di posti belli. Ho una laurea in storia dell'arte, esperienza nell'organizzare eventi culturali, coccolo gatti per vocazione. Per BookAdvisor curo la rubrica Coffee Book perché libri e caffè sono la mia risorsa primaria di energia.

Articoli correlati

Back to top button