News

Louise Glück Premio Nobel per la Letteratura 2020 [Video]

Louise Glük ha vinto il premio Nobel per la Letteratura 2020. La poetessa statunitense, nata il 22 aprile del 1943 a New York, è stata premiata “per la sua inconfondibile voce poetica che con austera bellezza rende l’esistenza individuale universale”.

Louise Glük, già premiata nel 1993 con il Pulitzer per la sua raccolta di poesie intitolata “The Wild Iris”, è nata in una famiglia di immigrati ebrei ungheresi, ed è cresciuta a Long Island. Nel 2014 ha vinto un altro importante premio, il National Book Prize per la poesia, poi nel 2003 le è stato riconosciuto il titolo di poeta laureato negli Stati Uniti.

Attualmente Louise Glük è docente di poesia all’Università di Yale e membro dell’American Academy of Art and Letters.

Qui possiamo leggere una poesia di Louise Glük, premio Nobel per la Letteratura 2020.

La fine dell’estate

Dopo che mi vennero in mente tutte le cose,
mi venne in mente il vuoto.

C’è un limite
al piacere che trovavo nella forma…

In questo non sono come voi,
non ho risoluzione in un altro corpo,

non ho bisogno
di un riparo fuori di me…

Mie povere ispirate
creazioni, siete
distrazioni, in ultimo,
puri inceppi; siete
alla fine troppo poco simili a me
per piacermi.

E così candide:
volete essere ripagate
della vostra scomparsa,
pagate tutte con qualche parte della terra,
qualche ricordo, come una volta eravate
compensate per il lavoro,
lo scriba pagato
con argento, il pastore con orzo
per quanto non è la terra
a durare, non
queste schegge di materia…

Se apriste gli occhi
mi vedreste, vedreste
il vuoto del cielo
specchiato in terra, i campi
di nuovo nudi, senza vita, coperti di neve…

poi luce bianca
non più travestita da materia.

(Poesia tratta dal libro “Iris selvatico” traduzione a cura di Massimo Bacigalupo. Grazie a poetarumsilva.com).

Louise Glük Premio Nobel per la Letteratura 2020

News

Alessandro Oricchio

Docente e ricercatore di Lingua Spagnola, giornalista pubblicista iscritto all'Odg del Lazio. Amante dei libri, dei viaggi, del calcio, della lingua spagnola, del mare e della cacio e pepe.
Back to top button