Coffee Book

“La zia marchesa”, di Simonetta Agnello Hornby, recensione libro

Quando arriva il caldo torrido, il cervello mi invia un segnale: rileggere il Gattopardo ancora una volta. Per accontentare i miei neuroni e allo stesso tempo alimentarli con qualcosa di nuovo, vado in cerca di romanzi che mi riportino in quell’atmosfera di lento torpore che viene poi spazzato via dall’improvvisa eruzione della Storia. La scelta è ricaduta su La zia marchesa, un libro che si legge con il cuore, ho ritrovato emozioni e suggestioni stile Gattopardo ma la narrazione ed il punto di vista sono decisamente diversi.

Storia di Costanza e della sua famiglia

È la storia di una famiglia, di una nobiltà in declino ma soprattutto di una donna, la marchesa Costanza Safamita. Femminili sono le due voci narranti, una esterna e descrittiva che appartiene alla penna dell’autrice e l’altra interna alla vicenda della balia Amalia Cuffaro. Attraverso questi due piani di narrazione il lettore partecipa alla vita di Costanza. Un’esistenza mai completa, nascosta sotto le convenzioni dell’apparenza aristocratica.

Costanza è figlia dell’amore ma non amata da sua madre, costretta a passare la prima infanzia separata per tutelarla dalla pericolosa predilezione materna nei confronti dei figli maschi. Trova rifugio e conforto tra le braccia della servitù. Cresce ascoltando storie, racconti popolari, leggende e pettegolezzi tutti cuciti assieme su un unico telaio. Amalia e gli altri domestici di casa Safamita sono portavoce della saggezza e della forza del popolo siciliano che si contrappone alle fragilità capricciose dei loro padroni. Costanza cresce in un mondo che non è il suo e capirà fin da subito di essere diversa. Una contraddizione.

Timida e osservatrice, costretta a mascherare la sua intelligenza per non scandalizzare un mondo di ignoranti blasonati. Bellissima ma non abbastanza per i canoni della società a cui appartiene. Sbeffeggiata per i suoi capelli rossi che saranno poi la chiave per scoprire la verità su se stessa. Donna ricca e potente grazie all’eredità del padre ma anche docile e sottomessa al marito, un uomo insignificante ed infedele, unico e grande amore fino alla fine.

Pagina dopo pagina i segreti della famiglia Safamita vengono rivelati ma il personaggio di Costanza resta immutato nella sua diversità. Luminosa come una cometa, schiva come la lumaca chiusa nel suo guscio. Non si riesce mai a comprenderla del tutto ma non si può non amarla.

Profumo di storia siciliana

La zia marchesa è uno dei romanzi più famosi di Simonetta Agnello Hornby. La Sicilia si vive e si respira in ogni riga. Ogni paragrafo è introdotto da un detto popolare in lingua siciliana e tutto sembra immobile mentre sullo sfondo si delinea la prima alba del Regno d’Italia. Si vede il mare dalla Montagnazza. Fa caldo a Sarentini. C’è profumo di gelsomino a Malivinnitti.

La zia marchesa, di Simonetta Agnello Hornby, Feltrinelli Editore.

TI PIACE SE: leggi romanzi di ambientazione storica. Sei affascinato da personaggi enigmatici. Hai amato follemente Il Gattopardo.

LASCIA PERDERE SE: non ami i racconti popolari siciliani. Non ti attirano le storie di nobili e servitori. E’ luglio, fa caldo, e hai bisogno di un libro leggero.

Paola Viscatale

Sono cresciuta e ho lavorato sempre in mezzo ai libri. Con il cuore a metà tra Roma e Napoli, viaggiatrice per il mondo in cerca di posti belli. Ho una laurea in storia dell'arte, esperienza nell'organizzare eventi culturali, coccolo gatti per vocazione. Per BookAdvisor curo la rubrica Coffee Book perché libri e caffè sono la mia risorsa primaria di energia.

Articoli correlati

Back to top button