Dirette Autori & Librerie

In Diretta con gli Autori: Paolo Miorandi

Paolo Miorandi per la rubrica “In Diretta con gli Autori” presenta nel gruppo Facebook Book Advisor il libro “L’unica notte che abbiamo” edizioni ExOrma e risponde alle domande dei lettori. La presentazione è moderata da Antonello Saiz della libreria Diari di Bordo di Parma.

Diretta del 1° maggio 2020.

Parte il primo appuntamento con la Libreria Diari di Bordo di Parma.Questa sera Antonello Saiz dialoga con Paolo Miorandi, insieme presentano L'unica Notte che abbiamo, pubblicato da Exorma Editore

Pubblicato da Latini Marco su Venerdì 1 maggio 2020

Link alla diretta nel gruppo Book Advisor qui

Sinossi del libro “L’unica notte che abbiamo” di Paolo Miorandi

Una saga familiare di macerie e oscurità che si perde tra le valli e i continenti: spetta al lettore mettere insieme i pezzi

«Una scatola di foto e un compilatore di storie: la memoria può sanare le ferite» – Gabriella Brugnara, Corriere del Trentino

«L’unica notte che abbiamo è un testo che richiede impegno e partecipazione del lettore; in cambio, ci ridona vite che non avrebbero avuto la forza di riemergere dagli inferi per tentare di purificarsi e di riordinarsi» – Tuttolibri

Di notte, un uomo alla finestra. Ascolta voci che tornano da oltre il buio. Sono quelle che un’anziana signora, poco prima di tramutarsi anche lei in pulviscolo di parole, ha consegnato all’uomo che ne diventa il custode. Perché ogni essere umano – è questo che l’uomo si dice – prima o poi è chiamato a prendere in consegna la voce di un altro essere umano, e ogni vita è chiamata a offrire la propria voce, per quanto flebile essa sia, a un’altra vita. Le parole giungono come relitti su una costa solitaria. Sono i morti che parlano, ma non tra di loro e nemmeno con i vivi. Monologano, chiusi ognuno nella bolla del proprio ricordo. Ripetono il frammento di storia in cui tutta la loro esistenza è contenuta, come un pianeta che un’indicibile forza di gravitazione ha fatto collassare su sé stesso e trasformato in un unico minuscolo grumo di materia. Ognuno torna sul luogo della propria ferita e la esibisce come per chiedere perdono. L’anziana signora ripercorre le vicende della sua famiglia che nessuno ha mai voluto né raccontare né ascoltare. Cerca tra le mura di un paese senza vita la ragazza che ha abbandonato il figlio, suo padre, poco dopo averlo messo al mondo. Rivede la maestra, a cui il bambino è stato affidato, impegnata nella sua estenuante interrogazione di fronte al silenzio di Dio e di un corpo incapace di dichiarare il suo bisogno d’amore. Ripercorre la via dei campi con la nonna materna, per lunghi periodi suo unico sostegno affettivo. Rivive il rapporto conflittuale con il padre, un sagace perdigiorno di paese, intimamente e indelebilmente ferito dalla tragica esperienza della ritirata di Russia, che ha eletto i bar a proprio dimora. Quella dell’anziana signora è una deposizione che non risparmia le accuse, ma che allo stesso tempo va in cerca di prove per una possibile assoluzione dei protagonisti. È anche una deposizione di corpi sofferenti e mortali, spogliati via via dei propri sintomi, gettati ai margini del tempo e divenuti sacri proprio in ragione della loro inermità.

Redazione

Redazione della pagina web www.thebookadvisor.it

Articoli correlati

Back to top button