Un libro tra le mani

“È quello che ti meriti” di Barbara Frandino, recensione: Un libro tra le mani.

È QUELLO CHE TI MERITI non parla d’amore.
Questo libro parla della ferocia, dell’odio, del risentimento e della vendetta che si celano tra le pieghe di un matrimonio.
Ci sono matrimoni che dovrebbero finire, e invece vanno avanti.
Vanno avanti perché, in realtà, le due persone coinvolte scelgono di stare ferme, di rimanere, immobili nella loro infelicità.
Nonostante tutto.

Nonostante.

È quello che ti meriti

La Frandino ce la racconta benissimo, questa ostinazione, questa impasse emotiva di chi non riesce a superare una delusione, un’offesa, e cerca, attraverso il muro dell’incomunicabilità e del malcelato disprezzo, di mantenere in piedi le macerie.
Perché solo all’interno di quel matrimonio, seppure a pezzi, ci si riconosce, si ha una propria identità, un posto nel mondo.
Fuori ci si sente perduti. Nulli.

E allora tutto diventa una partita di rinfacci, di accuse, di colpe mai espiate e di difese giocate al contrattacco.
Ma quanto può durare una vita così?
Molto più di quanto possiamo immaginare…

 

È quello che ti meriti è…

…un romanzo per chi non ha paura di guardare, con occhio disincantato, nelle ferite aperte di una relazione.
Per chi non teme di scoprirsi più cinico di quanto si aspettasse.
Per chi non ha paura di ammettere che il perdono non esiste e che il tempo delle favole è finito da un pezzo.

Non so bene per quali associazioni mentali ed emotive, ma questo romanzo mi ha provocato delle emozioni molto simili a quelle provate con “Lacci” di Starnone, forse perché in entrambi i casi mi è sembrato di leggere il manifesto della morte di un matrimonio che non muore.

Comunque una voce femminile lucidissima, spietata e vera.
Una stronza, direbbe qualcuno.
Ma anche lui eh, mica un santo.
Insomma, mi è piaciuto moltissimo!

“È quello che ti meriti” di Barbara Frandino, Einaudi editore. Un libro tra le mani.

 

Antonella Russi

Nata a Taranto, classe '76. Lettrice per passione, da sempre.

Articoli correlati

Back to top button