Libri in pillole

“Il sistema del tatto” di Alejandra Costamagna: recensione libro

Il sistema del tatto è un libro sulla memoria, sull’identità offuscata dalla migrazione, sulla vita di tre personaggi che hanno a loro modo dovuto interfacciarsi con la scissione che si produce nel momento in cui si perde il contatto con le proprie radici. O quando quelle radici non si sentono affatto proprie, perché sbiadite, sovrapposte, intrecciate.

Il sistema del tatto

il sistema del tatto alejandra costamagnaAnia è la protagonista del romanzo, colei che dovrà attraversare le Ande per andare a portare un ultimo saluto ad Augustin, cugino del padre. Il ritorno nella casa dei nonni costituirà per lei un tuffo nostalgico nel passato, in cui riaffioreranno il senso di incompiutezza di Augustin, che avrebbe voluto abbandonare la sua terra ma che invece è rimasto radicato per sempre a Campana, e la dura migrazione di Nelida, che nel viaggio dal Piemonte al Latinoamerica ha subito quello shock identitario che non le ha più permesso di sentirsi appartenente né a questa né a quella terra.

“Ania pensa a quelle maree che furono orgoglio ed esilio. Tutti alla ricerca dell’America, seguendo un parente che prometteva ricchezze da questa parte del mondo. Sbarcavano con l’illusione di far quattrini in fretta, ma presto la fortuna si trasformava in sopravvivenza e l’America diventava un territorio ostile. […] Dovevano imparare in fretta a essere altri. Lavorare in quel che capitava. Mandare soldi a casa, crearsi una nuova vita: in questo consistevano i loro giorni”.

Il sistema del tatto è la storia di una famiglia interamente colpita, in maniera trasversale, da quel senso di spaesamento creato dalla migrazione, che sfocia nella costante ricerca della propria identità. Ricerca che tuttavia non produce effetti, se non quello di restituire ai protagonisti un’esistenza sospesa tra il rimanere agganciati alle proprie radici e il desiderio di liberarsene. E che, di conseguenza, li fa sentire stranieri ovunque si trovino. Perché per loro la parola “casa” è ricoperta da uno strato opaco, che gradualmente ne sfuma, fin quasi a dissolverlo, il significato.

“Il sistema del tatto” di Alejandra Costamagna, Edicola Ediciones. Libri in Pillole.

Alessandro Oricchio

Docente e ricercatore di Lingua Spagnola, giornalista pubblicista iscritto all'Odg del Lazio. Amante dei libri, dei viaggi, del calcio, della lingua spagnola, del mare e della cacio e pepe.

Articoli correlati

Back to top button