Anonima Lettrice Italiana

“Resta con me” di Ayobami Adebayo: recensione libro

Nigeria, anni Novanta. La bellissima Yejide e il buon Akin si sposano per amore. Una vita lieta dovrebbe attenderli, pur sullo sfondo di gravi cambiamenti politici, ed entrambi – felice coincidenza – condividono le idee sulla famiglia e sulla monogamia: questo finché l’arrivo dei figli non comincia a tardare, e la narrazione che alterna sia il tempo sia i punti di vista comincia a illustrarci quanti mondi esistono appena fuori dalla nostra porta

Un legame con il reale

Non è detto che sia sempre un legame con la verità, ma in fin dei conti quante verità ci sono?

C’è dentro “Resta con me” di Ayobami Adebayo un’evocazione vivida della materia che compone il reale, un vocabolario concreto di cui la letteratura occidentale manca parecchio, presi come siamo a sublimare connessioni, formulare immagini digitali, una nebbia di intangibilità che non trova mai la forza di figure sincere e rapportate con la natura: “raccontare storie robuste come una fune di verità”, “essere pallido come un mango”, “parole che si arrampicavano come formiche soldato”, sono il segno che da qualche parte in giro ci sono state persone prima degli account

Leggere è come credere

Un bel lavoro di localizzazione di Maria Baiocchi e Anna Tagliavini, traduttrici non al loro primo rodeo di coppia, che hanno saputo rendere fedelmente le contraddizioni del periodo e del luogo in questione, non meno di quelle intime della protagonista, ostaggio di se stessa e contemporaneamente delle tradizioni e del ventesimo secolo che avanza. Non servirà dirlo, occorre sospendere sia il metro di giudizio occidentale sia quello contemporaneo, dietro il quale se ci trinceriamo rischiamo di perdere obiettività e ragioni, e di non poterci godere né i racconti di Sherazade né la Divina Commedia

Resta con me” affronta la mortalità infantile, l’intimità, l’adulterio e le differenze culturali con eleganza e parsimonia, per le quali gli si perdona un finale un po’ telefonato. Nonostante la durezza e l’amarezza della storia, è l’amore la pagina su cui si dipana la matassa, sull’amore è stato scritto lo straordinario pluripremiato debutto della Adebayo – su cui Margaret Atwood ebbe solo a dire: “Bellissimo.”

“L’amore è una prova.

Resta con me” di Ayobami Adebayo, La Nave di Teseo, 2018. Anonima Lettrice Italiana.

Ali

Leggo, scrivo, parlo, ma soprattutto parlo. E poi leggo e scrivo.

Articoli correlati

Back to top button