Di Versi in VersiRubriche

Di Versi in Versi: “Mura amiche” di Alessandro De Santis

Per “Di Versi in Versi” vi proponiamo la lettura di “Mura amiche” di Alessandro De Santis, edito da Transeuropa.

C’è un intento ardito da parte del poeta Alessandro De Santis, nel definire il senso del suo lavoro poetico con un titolo che contiene in sé un itinerario di lettura preciso: “mura”, spazio tra sé e il senso materiale dell’esserci o meglio del divenire, come giustamente annota nella postfazione il poeta Andrea De Alberti; e “amiche”, dove la propensione verso l’altro ha il suo senso racchiuso nella terminologia abusata, ma non sempre applicata. E sembra essere proprio questo il senso della raccolta poetica, andare – come scrive la Anedda, che l’autore cita in esergo – in quel “recinto” dove “duravano le cose”.

Di mura e di luce, De Santis ci porta anche nella casa d’altri

Anche la scelta delle parole sembra seguire questa scia d’intenti, del sé che si appartiene, senza rinunciare a entrare nella “casa d’altri”. Si pensi a versi che fanno dell’ossimoro la fonte di interesse del lettore: «nera come luce pura». E al concetto di muro si fonde spesso quello di luce, lungo i testi dell’autore. Scelta interessante che apre sì una domanda, ma come lui stesso scrive anche «un appetito», la voglia di iniziare il banchetto che riempie di quelle riflessioni che la poesia sa e deve incarnare.

Una luce che passa dalla purezza del suo nero alla pochezza che disorienta, «che elenca le cose / Furiosamente triste», per poi portarci tra le inferriate dove «osservi / le persone che sei stato prima».

Felicia Buonomo

Felicia Buonomo è nata a Desio (MB) nel 1980. Nel 2007 inizia la carriera giornalistica, occupandosi principalmente di diritti umani. Alcuni dei suoi video-reportage esteri sono stati trasmessi da Rai 3 e RaiNews24. È nella redazione di Osservatorio Diritti. Alcune sue poesie sono state pubblicate su riviste e blog letterari, quali La rosa in più, Atelier poesia, la Repubblica – Bottega della Poesia e altrove. Alcuni suoi versi sono apparti anche su riviste e blog letterari degli Stati Uniti, quali Our Verse Magazine, The Daily Drunk Mag e Unpublishable zine. A dicembre 2020, una poesia – tradotta in francese da Bernard Giusti – verrà pubblicata sulla rivista parigina “L'Ours Blanc”. Altri suoi testi poetici sono stati tradotti in spagnolo dal Centro Cultural Tina Modotti. Cura una rubrica dedicata alla poesia su “Book Advisor”. Pubblica il saggio “Pasolini profeta” (Mucchi Editore, 2011), il libro-reportage “I bambini spaccapietre. L'infanzia negata in Benin” (Aut Aut Edizioni, 2020) e la raccolta poetica “Cara catastrofe” (Miraggi Edizioni, 2020). Dirige la collana di poesia “Récit” per Aut Aut Edizioni.

Articoli correlati

Back to top button