Un libro tra le mani

“Le tre del mattino” di Gianrico Carofiglio: recensione libro

“Nella vera notte buia dell’anima sono sempre le tre del mattino” (Scott Fitzgerald).

Nel libro “Le tre del mattino” Gianrico Carofiglio parte da una storia vera, che gli è stata raccontata, e la trasforma in un romanzo, in cui i personaggi sono pura invenzione (tutti tranne uno), ma i sentimenti che suscita sono reali, veri, intensi.

La storia si svolge, per la maggior parte del tempo, a Marsiglia… grande omaggio che l’autore fa a Izzo (è impossibile non pensare a lui, alle sue descrizioni dei quartieri pericolosi, minacciosi e popolati dai nordafricani, ma anche del mare cristallino, quel mare “di fronte al quale la felicità è un’idea semplice“).

Ci sono occasioni in cui occorre parlare e non bisogna dare nulla per scontato. Poi ci sono occasioni in cui, invece, devi rimanere in silenzio perché nell’aria c’è qualcosa di impalpabile e prezioso, e le tue parole potrebbero disperderlo in un istante.

Un padre e un figlio che si raccontano

Proprio in questa cornice così suggestiva, ci troviamo ad osservare un padre e un figlio che si

Le tre del mattino

raccontano, che imparano a conoscersi e a ri-conoscersi, scoprendo l’un l’altro cose che neanche potevano immaginare.
E proprio lo stupore che accompagna la scoperta dei talenti e delle fragilità di chi ci è estraneo pur vivendoci abitualmente accanto, modificherà la percezione del tempo, rallentandolo: due giorni e due notti che segneranno un’intera vita, anzi due.

Certi luoghi della città mi fanno sentire nostalgia per lo stupore. Essere storditi dalla forza di qualcosa. Mi piacerebbe tanto, se capitasse di nuovo. Forse potrebbe essere proprio lo stupore, se fossimo capaci di impararlo, l’antidoto al tempo che accelera in questo modo insopportabile.

Un romanzo che ci parla di famiglia, di rapporti coniugali, del tempo che passa, di iniziazione sessuale, ma anche di matematica, jazz e di epilessia.
Il tutto, come ci ha sempre abituati Carofiglio, condito con citazioni letterarie e musicali.

Delicato e intenso, riflessivo e poetico.
Carofiglio al suo meglio.

“Le tre del mattino” di Gianrico Carofiglio, edizioni Einaudi. I Libri di Antonella.

Antonella Russi

Nata a Taranto, classe '76. Lettrice per passione, da sempre.

Articoli correlati

Back to top button