La linea d'ombra

“L’inconveniente” di Hilary Ann Mostert: recensione libro

Hilary Ann Mostert, nipote del pittore Domenico Buratti, è danzatrice, appassionata di esoterismo ed ottima scrittrice dalla prosa magica e poetica.
Nata nello Zimbabwe, ex Rhodesia, la Mostert figlia di un veterinario sudafricano, che la mamma ha conosciuto nell’ultimo anno del secondo conflitto mondiale, e di una torinese con velleità artistiche, in questo romanzo ripercorre l’anno in cui con la madre tornarono a Torino, nella casa dei nonni e delle zie, lasciandosi alle spalle l’esperienza africana.

L’inconveniente

La Mostert descrive quel particolare momento della sua vita con una visione quasi onirica, con periodi narrativi corti e frequenti flash back evocativi e poetici. Stilisticamente Interessante questo passare dall’imperfetto al presente indicativo dell’io narrante.

Nel romanzo autobiografico emergono i rapporti complicati con una mamma assente e distante, nonostante la presenza costante, sia nel periodo africano che in quello successivo torinese. Un vuoto, quello creato dall’anafettività materna, che Hilary non riesce a colmare neanche con la pesante presenza delle zie durante il soggiorno sabaudo, in un’abitazione decadente di una Torino nostalgica e refrattaria ai cambiamenti. Sarà il desiderio di riavere suo padre che recherà la bambina da un misterioso signore torinese.


“Ecco! Ti ho guarita dal mal d’Africa ti ho somministrato l’antidoto per non ammalarti più…” le dirà il misterioso signore. Con questa certezza e con il solo pensiero del padre lontano, così presente nei suoi ricordi giornalieri, la giovane donna riuscirà a sopportare l’inconvenienza del vivere.


Hilary è la nipote dello scrittore Giorgio De Maria, l’autore de “Le venti giornate di Torino”, pubblicato per la prima volta nel 1977 e ripubblicato da Frassinelli quarant’anni dopo. Dello scrittore la Mostert ne parla ne “L’inconveniente” nel capitolo “Agosto in casa De Maria”.

“L’inconveniente” di Hilary Ann Mostert, edizioni Mondadori. La linea d’ombra.

Back to top button