Dream Book

“Quattro uomini e una stella” di De Florio & Tumino: recensione libro

I colori accendono la gioia. Illuminano i sorrisi e spengono anche la speranza. Alcuni, usano i colori per far passare idee discriminatorie che sono un pugno alla libertà di essere uguali nella tinta dell’arcobaleno. Tra il pensare e l’essere c’è differenza e taluni meschini l’accentuano questa differenza per creare astio e distanza. Le mentalità becere credono che le cose siano solo o bianche oppure nere.

quattro uomini e una stellaLa loro ristrettezza di pensiero li rende ottusi dinanzi alla mescolanza di colori che arricchiscono l’esistenza di battiti e prospettive. I tarati di mente pensano che i colori siano femminili e maschili, separati. Il rosa, per i mentecatti, non apparterrà ai maschi perché ne offuscherebbe la virilità. Trogloditi. I colori sprigionano bellezza ed essa abbraccia tutti, indistintamente. Scombinare il pink, addossarlo ad un ragazzo, ad un uomo, per alcuni significa marchiarli di omosessualità. La bellezza genera bellezza e quella dei sentimenti non sarà mai fango o gramigna perché è la luce intensa dell’amore a vestire occhi e parole. Ad avercene d’amore, tanto e ovunque. Molte cose cambierebbero, in meglio.

In Quattro uomini e una stella di Christian De Florio Carlo Tumino entri nella vita di due papà. I protagonisti, che sono gli autori stessi, si sono sposati e sono diventati genitori di due gemelli nati da una maternità surrogata in America. I genitori dei piccoli hanno due personalità diverse, ma combacianti. L’arrivo dei figli ha cambiato la loro priorità e prospettiva di vita, ma l’amore è distribuito a bracciate a tutti in famiglia ed i gemelli ne sono felici. Christian e Carlo si raccontano, fanno conoscere la loro vita, la loro quotidianità, come si sono conosciuti e innamorati. Il sogno della genitorialità è quella stella che accende la loro storia di amore. Ecco, l’amore ha guidato i passi dei due papà e darà l’esempio ai figli perché con ciò che si fa e con le parole si allontanano maldicenza e meschinità. Non si può tornare indietro, essere trogloditi vestiti in giacca e cravatta.

Il libro è autentico. È molto più della storia di una famiglia al maschile. È la lotta al diritto di amare, è la scoperta della via che faccia vedere la verità senza nascondersi o essere denigrati, aggrediti, allontanati. L’unione civile è un grande passo in avanti, ma non basta e non può essere un accontentino per quelle che sono le esigenze di chi vuole una famiglia a tutti gli effetti. La scrittura è semplice, coinvolge il lettore come se fosse lì con i protagonisti a masticare quella quotidianità fatta di conquiste, di sconfitte, di incomprensioni, di complicità. Di amore.     

 

Vieni a parlare di libri con tutti noi nel gruppo Facebook The Book Advisor

 

“Quattro uomini e una stella” di Christian De Florio Carlo Tumino, edizioni Rizzoli. Dream Book.

Lucia Accoto

Lucia Accoto. Giornalista pubblicista, autrice e conduttrice di programmi Tv. Ho la passione per i libri, lo stile, la scrittura e la cronaca nera. I libri mi accolgono sempre come una signora, posandomi sulle spalle uno scialle di titoli e di emozioni.

Articoli correlati

Back to top button