Dream Book

“La pittrice di Tokyo” di Sarah I. Belmonte: recensione libro

La paura sveglia i sensi, ci apre gli occhi. All’inizio ci fa tremare, ci ammutolisce. Apre ferite, si fa strada nelle fessure del silenzio, si impossessa della forza che soccombe senza sillabe. Dalla paura, poi, scopriamo il cielo se siamo stati coraggiosi a non piegarci ad essa. I momenti in cui si è spaventati a morte servono a rimetterci in piedi, a porci domande che spesso ci allontanano da un approdo sicuro. Servono.

Serve chiedersi tante cose perché da quei punti interrogativi si avrà un passo più ostinato, più deciso. La paura è come la fotografia, istantanea. Resta e resiste anche al ricordo, intrappola il momento. Il timore per qualcosa non si può evitare se ci sta a cuore una data situazione o una data persona. Gli affetti, anche quelli che si scoprono con il tempo, hanno effetti sorprendenti. Si può scegliere nella vita, ma bisogna essere liberi di farlo e questo non è scontato. Ci si può distrarre, perdere tempo, girare a vuoto, arriva sempre l’ora della resa dei conti. Non bastono litanie a mezza voce, serve il coraggio che porta a decisioni forti. Dinamite per i giorni a venire, fuoco di risentimenti, pioggia di liberazione, colori da appuntare come hennè sulle mani che cercano quello che l’anima vuole scavando nella propria esistenza. Certo, qualcosa si romperà definitivamente inghiottendo tristezza o sollievo. Nel caos emotivo si trova la pittura di una trama che porta risposte, perdite, dimenticanze e sorrisi.

In La pittrice di Tokyo di Sarah I. Belmonte finisci nella vita di due donne, O’Tama, giapponese, e Jolanda, palermitana. Entrambe sono donne forti, coraggiose, autentiche. O’Tama è una pittrice e Jolanda una fotografa che corregge bozze in un giornale di Sicilia. Palermo le ha affascinate alla vita, al senso di libertà, e Tokyo le ha unite. È il 1938. Essere donna alle due estremità del mondo non è facile, se abbassi la testa e ti fai comandare eviti impicci e pugni, ma l’anima secca anche lo sguardo perché si spegna la speranza di cambiare. Se sei ribelle, tosta e determinata, segui te stessa, ma avrai altre fregature. Almeno, hai capito chi sei. E lo comprenderanno le due donne unite per l’amore per l’arte e per due terre che le hanno pittato l’anima.

Il romanzo è meraviglioso. La prosa è potente, bellissima, fluida. La narrazione ti prende l’anima, fa di te ciò che vorresti essere. La storia ti rapisce, ti piazza innanzi bellezza e contrasti, sole e freddo, parole e silenzi, onde e ribellione. Ti regala anche un viaggio e una risorsa: l’arte. Il lettore comprende benissimo che cosa ha tra le mani sin dalle prime battute. Seguire l’inchiostro e le emozioni fatte inchiostro è una sorpresa che lo porta alla fine anche al pianto. La pittrice di Tokyo è un libro che non vorresti lasciare mai, che una volta chiuso è come se finissi sulla banchina di un porto per vedere le tinte della vita che passano dalle voci e dal colore del mare e del cielo. Le nuvole, sta a te, soffiarci appresso per vincere la paura.          

 

Vieni a parlare di libri con tutti noi nel gruppo Facebook The Book Advisor

 

“La pittrice di Tokyo” di Sarah I. Belmonte, edizioni Rizzoli. Dream Book.

Lucia Accoto

Lucia Accoto. Giornalista pubblicista, autrice e conduttrice di programmi Tv. Ho la passione per i libri, lo stile, la scrittura e la cronaca nera. I libri mi accolgono sempre come una signora, posandomi sulle spalle uno scialle di titoli e di emozioni.

Articoli correlati

Back to top button