Dream Book

“Guardatemi” di Anita Brookner: recensione libro

Senza considerazione, ti senti niente. Su di te non si appunta nessuna parola, non ci sono sorrisi e neanche sguardi. Nulla coglie la beffarda e le autentiche verità nel caos di occhi vagabondi che prendono quello che vogliono buttando poi nella dimenticanza ciò che non trovano interessante. Essere ignorati equivale a perdersi nel buio.

Perdi slancio e fiducia, ti senti a pezzi, sgretolata e poi più niente. Cammini, stai in piedi, cerchi un sostegno e trovi il silenzio. Nessuno ti chiama, ti cerca, ti vede. Invisibile per tutti e chiara a te stessa. Vorresti urlare. Ti senti ferita e  offesa nella dignità, massacrata nell’indifferenza. Quando manca qualcosa e stai per perdere tutto, lasci cadere anche le certezze della tua persona. Le capacità, le competenze, diventano vento che si sposta e a te resta il fuoco della consapevolezza che la solitudine poi ingoierà. Allora, vorresti puntare gli occhi su tutti e gridare: guardatemi, io ci sono, esisto.In Guardatemi di Anita Brookner entri nella vita della giovane Frances Hinton. Lei cura l’archivio fotografico della biblioteca di un istituto di scienze mediche. È una donna attraente, ma questo per Frances non significa niente. Certo, in alcuni momenti vorrebbe essere diversa,  meno rigorosa, meno ordinaria nell’aspetto e meno abitudinaria nella quotidianità. E vorrebbe dire a chi le sta attorno, a chi gode della indiscutibile bellezza, Guardatemi.Il romanzo è intenso. Comprendi che l’illusione e il disinganno siano la via più facile verso la caduta, ma ci si può salvare dall’umiliazione di sentirti niente. Così, sei pronto ad aprirti al mondo. Bellissimo lo stile della scrittrice. 

Vieni a parlare di libri con tutti noi nel gruppo Facebook The Book Advisor

“Guardatemi” di Anita Brookner, edizioni Neri Pozza.  Dream Book.

Lucia Accoto

Lucia Accoto. Giornalista pubblicista, autrice e conduttrice di programmi Tv. Ho la passione per i libri, lo stile, la scrittura e la cronaca nera. I libri mi accolgono sempre come una signora, posandomi sulle spalle uno scialle di titoli e di emozioni.

Articoli correlati

Back to top button