Libri in pillole

“Fate come se non ci fossi” di Marco Presta: recensione libro

Situazioni quotidiane, episodi legati alla vita privata e a quella lavorativa, riflessioni generali su aspetti che caratterizzano l’attualità. In Fate come se non ci fossi Marco Presta, autore televisivo e radiofonico e conduttore del programma Il ruggito del coniglio su Radio 2, raccoglie pensieri che spaziano a 360°.

Dalla sensazione di imbarazzo che si prova a camminare per strada a cinquant’anni con un mazzo di fiori in mano si passa a una feroce critica del mondo degli influencer, per poi piombare all’interno di un bar dove tre amici discutono sul vocabolario del politically correct, fino ad arrivare al timore che si avverte nel vedere il proprio figlio neo patentato uscire per la prima volta alla guida della macchina.

“Sono anni che bevo il caffè amaro.
Non mi piace il caffè amaro. Eppure lo bevo, ne sorbisco tre o quattro tazzine al giorno, tutti i giorni delle settimane. […] Se mi metto a pensare a tutte le cose che faccio, che accetto o che subisco e che non mi piacciono, temo che l’inventario sia più impegnativo di quello di un grande magazzino.
Non mi piace alzarmi presto la mattina, non mi piace la pasta coi ceci, non mi piace gran parte della musica che trasmetto per radio, non mi piacciono le riunioni di condominio, i talk show televisivi, i giubbotti di renna.
Il novero delle cose che non ci piacciono è molto più lungo di quelle che ci piacciono, per questo le cose che ci piacciono sono così preziose.
Il caffè amaro e tutto il resto, probabilmente, servono a farmi apprezzare di più la pasta alla carbonara e il sorriso di mia moglie”.

Un diario appuntito

Una sorta di diario appuntito sul quale l’autore ha fissato i suoi ricordi, i suoi dubbi e le sue perplessità: incursioni flash nel quotidiano attraverso le quali l’autore riflette in maniera ironica, ma al contempo critica, su alcuni aspetti che vengono recepiti come storture del mondo che cambia, come la moda dei pantaloni corti sopra le caviglie, o la necessità della critica di essere crudele per riuscire a riscuotere successo perché avere un approccio bonario viene percepito come una debolezza.

Fate come se non ci fossi è un libro molto più serio di quello che si potrebbe pensare. È vero, in alcune occasioni strappa parecchie risate, ma in generale accompagna il lettore alla riflessione, seppur leggera e ironica, su determinati aspetti della vita vissuta.

“Fate come se non ci fossi” di Marco Presta, edizioni Einaudi. Libri in Pillole.

Alessandro Oricchio

Docente e ricercatore di Lingua Spagnola, giornalista pubblicista iscritto all'Odg del Lazio. Amante dei libri, dei viaggi, del calcio, della lingua spagnola, del mare e della cacio e pepe.

Articoli correlati

Back to top button