Dream Book

“La brigata delle cinque sorelle” di Paola Peretti: recensione libro

Sorellanza. Un legame non solo di sangue, ma anche d’affetto. Forse, più solido dei rapporti di parentela perché scegli chi ti somiglia o chi è lontano da te per carattere quasi a voler fare un salto di personalità per essere ciò che non sei. Ti rompi come porcellana in mani distratte dinanzi alle fragilità.

La tua si muove senza comando e si presenta soprattutto quando cerchi di tenerla nascosta, a bada. Fai i conti con ciò che non va, che vorresti non avere e possedere per natura. Alla fine, ti accetti. E cambi, se necessario. Non puoi, però, rinnegare quello che ti appartiene per nascita: la famiglia. Puoi fare passi falsi, ripetere errori, isolarti e ritornare, la famiglia rimane. Ti conosce, capirà. E se all’inizio farà fatica ad accettare alcune decisioni poi ti sostiene. La sorellanza familiare esiste. Spesso è sottovalutata, perfino ignorata. È il guscio dentro cui cerchi e trovi spazio. Certo, devi anche essere fortunato perché spesso la famiglia si sgretola con niente e nulla può ricompattarla tanto che gli sforzi non hanno peso e non sono visti di buon grado. Eppure, la sorellanza, quella vera di sangue, quando è forte, dominante, è un faro che punti quando ti perdi, quando hai bisogno. Finisci così nell’essere tutti i respiri, i silenzi, le storie delle donne della tua famiglia. Senti addosso il loro passato, hanno esperienza di vita ed i consigli come le mezze fresi sono preziosi quanto un abbraccio. Allora, saprai anche camminare da sola, lontano. Hai avuto per te tutte le parole più belle, toste, profonde per andare avanti, amare, capire e lì non c’è dimenticanza.

In La brigata delle cinque sorelle di Paola Peretti finisci nel quadro di una famiglia tutta al femminile, dove gli uomini che hanno sbagliato le loro scelte sono stati messi da parte. Donne di carattere che hanno preso di petto la vita, lasciando da parte i sogni e rimboccatesi le maniche per campare hanno saputo fare la cosa giusta. Cinque sorelle, una nonna e l’unica nipote sono la fierezza di un legame che non svapora con gli anni. Anche se l’alzheimer le ha colpite tutte tranne la più giovane della generazione, Cecilia, sanno guidare le decisioni e il passato per loro è chiaro, limpido. Hanno un segreto ed una vita da recuperare. Un nome che si trasforma, ma che è rimasto fedele nei loro cuori. Non si può essere sordi al richiamo della sorellanza.

Bellissima la storia. La narrazione è completa, limpida. Ha tutto ciò che serve per fare di un libro un romanzo valido, autentico. Non sei mai in stallo, ma è un continuo crescere di sorprese, di colpi di scena, di personaggi incredibili. La scrittura è piena, corposa. Il lettore lascia l’anima su ogni singola pagina perché del romanzo apprezza tutto.

La brigata delle cinque sorelle” di Paola Peretti, edizioni Rizzoli. Dream Book.

Lucia Accoto

Lucia Accoto. Giornalista pubblicista, autrice e conduttrice di programmi Tv. Ho la passione per i libri, lo stile, la scrittura e la cronaca nera. I libri mi accolgono sempre come una signora, posandomi sulle spalle uno scialle di titoli e di emozioni.

Articoli correlati

Back to top button