Dream Book

“Cercando Schindler” di Thomas Keneally: recensione libro

Le storie, quelle importanti, finiscono sempre nelle mani di chi sa raccontarle. Conoscono la strada per farsi conoscere, per non finire nel silenzio e nel sonno profondo. Ci metteranno più tempo per arrivare alle orecchie giuste, ma poi quando si stracciano le ore diventano memoria palpabile.

Quella che non si può dimenticare, alla quale non si può fare finta di nulla. Se così fosse sarebbe un errore madornale, imperdonabile, per l’umanità che ha bisogno del ricordo. Tacere significherebbe essere privi di coscienza, anche di quella critica. Le storie dapprincipio sono la pelle, i respiri, della gente. Infine, saranno la voce di chi le racconterà, solo in questo modo si può mantenere in vita quei nomi e quei fatti che non conosceranno mai il vuoto degli anni. L’Olocausto è la storia di disumanità che il mondo abbia mai vissuto. Conoscere frammenti di una variegata e corposa fetta di Storia è necessario per avere chiara la fotografia di ciò che hanno subito, vissuto gli ebrei per mano e volere dei nazisti. Ecco che le storie di tanti sopravvissuti, ognuno con la sua memoria, possono fare quadrato nella mente di tutti.

In Cercando Schindler di Thomas Keneally finisci nella casualità di un incontro tra lo scrittore e un commerciante di pellame. Keneally si trova in California. Ha bisogno di una ventiquattrore, la sua si è rotta e deve sostituirla in fretta. Al banco c’è un uomo che vuole raccontargli la storia di un nazista, “uno che beveva forte, un contrabbandiere, un donnaiolo”, ma che per lui era “come Gesù Cristo”. Era la storia di Oskar Schindler. La storia dell’imprenditore ariano che rischiò la vita per salvare centinaia di prigionieri dallo sterminio nella Polonia occupata dai nazisti.

Il libro è evocativo. È anche molto prezioso per le testimonianze dei sopravvissuti all’Olocausto raccolte dallo scrittore. Le pagine sono correlate da fotografie e da molti aneddoti sulle diverse figure coinvolte e raccontate. Cercando Schindler non lascia indifferenti sotto ogni aspetto.

“Cercando Schindler” di Thomas Keneally, edizioni Sperling & Kupfer. Dream Book.

Lucia Accoto

Lucia Accoto. Giornalista pubblicista, autrice e conduttrice di programmi Tv. Ho la passione per i libri, lo stile, la scrittura e la cronaca nera. I libri mi accolgono sempre come una signora, posandomi sulle spalle uno scialle di titoli e di emozioni.

Articoli correlati

Back to top button