La fabbrica della follia

“Donne dell’anima mia” di Isabel Allende: recensione libro

Isabel Allende è stata e continua ad essere punto di riferimento per molte lettrici e molti lettori in tutto il mondo, sia per la bellezza visionaria delle storie narrate, sia per il suo ruolo sociale come donna.

donne dell'anima mia isabel allende

Questo nuovo libro, Donne dell’anima mia, edito da Feltrinelli e tradotto da Elena Liverani, arriva in un momento storico in cui la voce potente di una donna-simbolo, merita di essere ascoltata e meditata. L’autrice, nel suo libro, racconta di sé stessa in relazione alla propria esistenza, al suo stare al mondo ed al suo essere donna e femminista: l’infanzia cilena, le relazioni sentimentali che l’hanno amata e che lei ha amato.

A suoi lettori colombiani, per esempio, ha spiegato che il femminismo tende a spaventare perché sembra molto radicale o viene interpretato come odio. Nel suo incontro virtuale con i lettori colombiani, la Allende si è soffermata sul significato del termine patriarca. Esiste ancora il patriarcato? Di certo non più come esisteva una volta, perché il movimento femminista è riuscito a minare quella sorta di potere assoluto. Eppure, in alcuni ambiti, questo potere continua a persistere sebbene molte leggi siano cambiate.

Il pensiero femminista della Allende diventa, dunque, manifesto di rivolta contro l’autoritarismo maschile; diventa strumento a tutela delle relazioni e dei diritti umani, impegno a favore di un mondo più giusto, lotta per l’emancipazione delle donne.

“Donne dell’anima mia”, edizioni Feltrinelli. La Fabbrica della follia

Giovanni Maria Scupola

Scrittore, blogger e nurse-reporter. Laurea in Infermieristica e Laurea Specialistica, Master in Management e Coordinamento. Vive a Lecce. Ama i libri ed i viaggi. Il suo motto è: “Vorrei che tutti leggessero. Non per diventare letterati o poeti, ma perché nessuno sia più schiavo”.

Articoli correlati

Back to top button