La fabbrica della follia

“Con gli occhi di Sara” di Davide Faraone: recensione libro

“Fino a che non ti capita non hai l’idea di cosa sia l’autismo … e poi cambia tutto, perché tutto gira intorno a quello … idee, amicizie, vita”

“Sara vestita di bianco, per la seconda e ultima volta dopo il battesimo. La vidi attraversare il corridoio, un’immagine veloce, pochi passi che ricordo con nitidezza. (…) Era bellissima Sara con il vestito lungo e i capelli sistemati con fiori bianchi. Con le sue ballerine piene di perline che si guardava in continuazione. Era bella. Sapevo che sarebbe stata la prima e l’ultima volta che l’avrei accompagnata all’altare. Che sarei stato l’uomo della sua vita. I pensieri diventarono interrogativi. Sapevo che non si sarebbe mai staccata da me. Che a differenza della stragrande maggioranza dei figli, lei non avrebbe cercato la sua indipendenza lontano. Non mi avrebbe mai escluso dalle sue angosce, dai suoi desideri. Ci saremmo appartenuti per sempre. Ognuno dentro le nostre mura e alla disperata ricerca di una casa comune”.

Con gli occhi di Sofia

Sara è una ragazza autistica e suo padre ha (avuto) due vite: “Davide A.A. (Avanti Autismo) e Davide D.A. (Dopo Autismo). Un cambiamento che si è manifestato non soltanto nei confronti di Sara, ma nei confronti del mondo, che ho iniziato a guardare con occhi diversi, modificando radicalmente il mio punto di vista. Gli occhi di Sara sono diventati i miei e, per saper riconoscere ciò che lei vede, ho cominciato a realizzare straordinari e impensabili canali di comunicazione. Attraverso il disegno, le nuove tecnologie, i gesti, le poche parole, è nato il nostro linguaggio segreto. Ho avuto la fortuna di ricevere in dono delle lenti nuove di zecca per leggere, con rara sensibilità, il cuore delle persone che soffrono e affrontano la vita. Grazie a queste lenti ho compreso che la felicità non è una soltanto”.

Il padre, che, come tutti, aveva sognato per la figlia un percorso di “scontata normalità” (lo studio, lo sport, la laurea, un compagno amorevole), deve affrontare una diversa realtà: “Mangia da sola, si veste da sola, si allaccia le scarpe, gioca con la Nintendo e vince, cucina qualcosa nell’istituto alberghiero dove l’ho iscritta, apparecchia la tavola, canta l’inno di Mameli, mi manda messaggi su WhatsApp, mangia la pizza seduta a tavola … Ma voi pensate che abbia provato meno soddisfazioni nel vedere centrare questi obiettivi? Col cavolo! Il giorno che ha cominciato a pedalare per me era la mia Armstrong che atterrava sulla luna, il giorno che mi ha detto tutte le lettere dell’alfabeto sembrava Albert Einstein e la teoria della relatività generale. E non ci sono Santi che tengono, ragazzini figli di famiglie del Mulino Bianco che mi inibiscano, Sara vale quanto loro, i suoi successi valgono anche di più, belli e faticosi. Non passerà alla storia, sarà anonima in questa società la mia figliola, sembreranno inutili i suoi pomeriggi con i terapisti, le sue mattine con il sostegno a scuola, ma per me è tutto un altro mondo, tutta un’altra cosa”.

L’uomo che pensava di avere cose molto più importanti da fare rispetto alla “debolezza” di amare ed essere amato, non può più nascondersi dietro “un mare di indifferenza”: “La consapevolezza che tu avevi bisogno di me non mi ha mai fatto sentire un eroe. Anzi. Mi ha costretto alla realtà. A misurare i valori dell’esistenza. Mi ha costretto a interrogarmi per poi scoprire che anche io avevo bisogno di aiuto, del tuo aiuto”.

Davide Faraoni, in questo libro, dà voce ai suoi silenzi più intimi e lo fa con l’amore profondo di un padre. Una narrazione intima ed un’occasione unica per guardare con consapevolezza un futuro tutto da scoprire.

“Con gli occhi di Sofia”, edizioni RubbettinoLa fabbrica della follia

Giovanni Maria Scupola

Scrittore, blogger e nurse-reporter. Laurea in Infermieristica e Laurea Specialistica, Master in Management e Coordinamento. Vive a Lecce. Ama i libri ed i viaggi. Il suo motto è: “Vorrei che tutti leggessero. Non per diventare letterati o poeti, ma perché nessuno sia più schiavo”.

Articoli correlati

Back to top button