I libri di Riccardo

“Resta con me” di Elizabeth Strout: recensione libro

Microcosmo o Macrocosmo?

Direi macrocosmo, perché i piccoli mondi della Strout sono in grado di dilatarsi oltre le proprie lillipuziane dimensioni e assumere un valore universale, o meglio un disvalore universale, visto che spesso finiscono per fare da cartina tornasole a private virtù, poche, e pubblici vizi, molti.

Resta con me di Elizabeth Strout

Niente di meglio, quindi, che condurre l’esperimento inserendo nell’ampolla narrativa Il New England, gli Anni Cinquanta, un sacerdote brillante ma con una insana predilezione per le vite dei santi cattolici, le poco allegre comari del paesino, che, nel nostro caso brillano d’iniziativa al punto da sentirsi le dirette eredi dei Padri Pellegrini sbarcati dalla Mayflower, e le cui contromisure consistono nel sublimare un puritanesimo meschino e di facciata.

Le piccole comunità possono essere spietate quando fiutano la debolezza di chi era stato chiamato per illuminare loro il cammino. Temono il buio. Le bocche si spalancano, e non per cantare inni sacri, ma per mostrare i canini della maldicenza. E non si fermano davanti a nulla. Non si fermano davanti alla tragedia familiare che ha travolto il Pastore Caskey, non si fermano davanti a una bimba di cinque anni orgogliosamente chiusa nel suo mutismo, non si fermano davanti alla sorellina. E se Katherine finisce per non trovare le parole, la stessa sorte toccherà al padre sul pulpito, che con le parole smarrirà anche il carisma che lo aveva sempre contraddistinto.

Gli sviluppi della vicenda saranno imprevedibili, com’è imprevedibile la vita nel mettere il confessore di fronte ai propri peccati invece che a quelli del confessato, come può essere imprevedibile il finale di un romanzo… questo? …scopritelo voi!

La scrittura della Strout in questo suo secondo romanzo è già matura, è già quella che di lì a poco ci regalerà Olive Kitteridge, una scrittura senza eccessi, che cede la ribalta alla capacità di approfondimento psicologico di personaggi che, nel bene nel male o nella mediocrità, si mantengono lontanissimi da qualsiasi stereotipo narrativo.

Resta con me” di Elizabeth Strout, edizioni Einaudi. I libri di Riccardo

Riccardo Gavioso

Nasce a Torino nel 1959, dove si laurea in Giurisprudenza. Ma ormai incerto su chi fossero i buoni e i cattivi, e pur ritenendo il baratto una forma di scambio decisamente più evoluta del commercio, da allora è costretto a occuparsi di quest’ultimo. Inevitabile, quindi, che l’alienazione professionale lo spinga tra le braccia di una penna e che la relazione, pur tra alti e bassi, si protragga per diversi anni. Poi, deluso in egual misura da quel che si pubblica e da quel che non si pubblica, smette di scrivere narrativa e si occupa di giornalismo collaborando con diverse testate di rilievo e creando un blog che arriva a incuriosire diecimila lettori al giorno. Torna alla narrativa con Arpeggio Libero con cui pubblica attualmente. Ha ottenuto diversi riconoscimenti per i suoi racconti. Nel 1997 è stato finalista al Premio Internazionale di Narrativa “ Il Prione ”.

Articoli correlati

Back to top button