Dream Book

“Il filo di luce” di Valeria Montaldi: recensione libro

La volontà, quella caparbia, è una dote esposta alle diverse facciate del rischio. Come lo si affronta, prendendolo nel verso giusto o sbagliato che sia, richiede intraprendenza. Se si ha volontà nell’intraprendere qualcosa di nuovo, di diverso, di importante, allora vale la pena anche impantanarsi con i sacrifici.

È necessario un impegno maggiore per ottenere quello che si vorrebbe, un po’ meno invece per rifiutare ciò che umilia la propria dignità. In quei momenti l’ira di un’offesa scatta subito ed a rimettere a posto gli arroganti ci vuole un attimo. Si deve lasciare alle spalle qualcosa di pesante, anche se torna spesso nei ricordi, nei sogni, nelle notti senza sonno. Per partire dall’inizio bisogna soprattutto cadere. Ad ogni caduta, rovinosa e tragica, una nascita che poi diventa rinascita e ancora ed ancora sino alla quiete. La volontà richiede coraggio. La forza d’animo manifestata, se ha avuto i suoi frutti facendola brillare di successi, diventa garante di rispetto. Averlo per sé e per gli altri non è poi così scontato. Alcuni si perdono perché mancano dell’uno e dell’altro, senza saperlo sono dei perdenti, almeno al cospetto dell’anima che il più delle volte viene pestata dalla malafede che esce dai respiri affannosi della gelosia. Ed è qui che si mette in campo la campagna denigratoria, di disapprovazione, nei riguardi di coloro che si scrollano di dosso il fango che li ha ricoperti e di cui poi ne escono puliti, onesti. Certo, gli errori si commettono, ma da essi si impara, se si ha cuore di essere nel giusto per riscattarsi.

In Il filo di luce di Valeria Montaldi sei le diverse vite di una stessa donna in un tempo in cui essere sole, e peggio orfane, era una dannata catastrofe, un vero pericolo oltre che a un guaio. È il 1435. Nel Ducato di Milano, in una stanza fetida del carcere di Malastalla nasce una bambina. Il suo nome è Margherita e come il fiore, lei ha una forza indomabile. Resiste a tutto ed incamera coraggio, che non sa neanche di avere, sino a quando si lascia andare alla propria forza affidandosi a se stessa. Non si volta indietro, il suo ieri è fatto di soprusi e di violenze. Il presente le riserva disprezzo da parte di molte donne, soprattutto delle lavoranti di una manifattura di seta dove trova occupazione. Contate sono, invece, le altre che l’aiutano perché in lei non vedono una reietta della società. Ha un passato scomodo, sconcio, Margherita. Ha anche grandi capacità nella lavorazione della seta che la fanno diventare padrona della propria vita. E non solo.

Il romanzo è stupendo. Racconto e scrittura sono incantevoli. La profondità della penna della Montaldi lascia senza parole. Ogni commento del lettore sarebbe superfluo dinanzi alla bellezza di un romanzo storico pregno di fili da ricordare, di passaggi da annotare, di concetti talmente attuali che ti senti in colpa per essere arrivato alla fine della lettura. Il libro arriva a toccarti i pensieri, aggiungendone altri, su tutti soffia vento di benevolenza.          

“Il filo di luce” di Valeria Montaldi, edizioni Rizzoli. Dream Book.

Lucia Accoto

Lucia Accoto. Giornalista pubblicista, autrice e conduttrice di programmi Tv. Ho la passione per i libri, lo stile, la scrittura e la cronaca nera. I libri mi accolgono sempre come una signora, posandomi sulle spalle uno scialle di titoli e di emozioni.

Articoli correlati

Back to top button