Dopo l'ultima paginaSenza categoria

“Una scrittrice in carriera” di Ledra: recensione libro

Una popolare autrice di romanzi rosa, la sua agente e la sua Beta Reader numero uno si trovano contemporaneamente a vivere il tipo di storie che sono abituate a leggere.

Tre love stories

copertina ebook

Zoe degli Altichieri Dorati è un’affermata scrittrice di romanzi rosa che non osa rinunciare ai tacchi in pubblico. Giovanna è la sua fedele agente, seria e orgogliosa. Alice dirige il gruppo di Beta Readers di Zoe, in altri termini un club di lettrici e amiche della nota autrice, o meglio, “Imperatrice del rosa”.

All’occasione della presentazione dell’ultimo romanzo di Zoe, la scrittrice evita una rovinosa caduta grazie alla prontezza di un estraneo che non vorrebbe più lasciarla andare; Giovanna incontra il suo ex capo e l’affascinante scrittore di punta di quest’ultimo; Alice ritrova la sua cotta dell’università ancora più bello e sfacciato.

Tutto ciò inizia nella splendida cornice di Positano. Successivamente, una volta che i personaggi ritornano a casa, l’incanto del primo incontro viene presto spezzato dalla realtà: ciascuno scopre, nell’uomo ritenuto perfetto o nella donna ritenuta perfetta, elementi che normalmente la persona infatuata in questione non sopporta.

Riusciranno tutti a superare le proprie ostilità o dovranno lasciare che le fiamme accese a Positano si spengano con il rientro in ufficio?

“Un colpo di fulmine, ecco cos’era stato. E, come spiegavano gli psicologi di mezzo mondo, quelli destinati a durare esistevano solo nei romanzi rosa. Non voleva illudersi, non doveva farlo. Il rosa era fatto di sogni, non di realtà. Crederci significava farsi male, e lei non aveva nessuna intenzione di soffrire. Ma le bastò incontrare di nuovo gli occhi di Stefano per sentirsi sgretolare”.

Come da norma per il genere rosa, un lieto fine attende ognuna delle tre donne, un po’ diverse nel carattere eppure accomunate da un sogno d’amore oltre che dalla passione per i romanzi: Zoe riuscirà a dimostrare il suo talento come scrittrice, di rosa e non solo; Giò verrà conquistata da un uomo che la valorizza e Alice conoscerà la passione dalla quale si tirava indietro e da cui ora viene travolta in poco tempo (tanto che alcune vicende sembrano accelerate).

“La realtà dipende dalle persone, caro Fausto, come il lieto fine”.

La dignità del rosa

In questa storia Ledra vuole affermare il valore del genere in cui opera non solo sviluppando una storia ben costruita, ma anche usandola per difendere e chiarire la dignità del romanzo rosa: attraverso lo scetticismo dell’editor dell’anno Stefano e del suo capo Fausto, l’autrice menziona le critiche che vengono sovente mosse al genere rosa considerato più semplice e banale rispetto agli altri generi romanzeschi, spiegando che anch’esso possiede una struttura e delle regole ben precise (il lieto fine è una di queste) e che si trovano scrittori e storie più o meno banali in qualsiasi genere.

Il libro è stato pubblicato una prima volta nella collana Youfeel Rizzoli con il titolo “Il cielo è sempre più rosa” e tra le autrici compariva anche Luce Loi. Questa ripubblicazione indipendente lo inserisce all’inizio di una serie (denominata “Il mondo della scrittura”) che continua con il romanzo “Una blogger in corriera”.

Cosa ne penso

La storia è ben costruita e completa: seguiamo il romanzo rosa personale che accade a tre donne amanti del romance. Per un’appassionata del mondo editoriale, è bello leggere storie che si sviluppano al suo interno, anche se viene menzionato solo per inquadrare i personaggi e l’ambientazione.

Le prime galanterie dei protagonisti maschili possono apparire difficilmente realizzabili nella vita che si svolge fuori dalle pagine di un romanzo, ma si inseriscono molto bene nella storia se pensiamo che si leggono romanzi rosa per sognare un po’. Qui, inoltre, leggiamo di sognatrici (nello specifico una scrittrice e due figure editoriali che la affiancano) che vivono la loro storia da sogno, o meglio da romanzo rosa.

(Una pecca che si nota è la seguente: nella parte iniziale, la protagonista è alcune volte chiamata Zoe degli Altichieri Dorati, altre volte Zoe degli Altichieri Rosati. Un difetto che sarebbe stato preferibile correggere in fase di revisione, ma che non è accompagnato da altri refusi.)

Voto: 4 stelle e mezzo. Quasi ottimo, e aggiungo un piccolo “quasi” del tutto personale pensando che alcune svolte avvengano troppo velocemente.

“Una scrittrice in carriera” di Ledra, Amazon publishing. Dopo l’ultima pagina.

Angela Maria Silecchia

Seguendo e nutrendo la mia passione per le lingue e la letteratura, mi sono laureata in Scienze del Linguaggio. Aspirante editor e traduttrice, attuale lettrice curiosa ed interessata. Non mi piace stare ferma, se non per godermi il panorama.

Articoli correlati

Back to top button